Loading posts...

Softball, finale scudetto: Bussolengo è campione d’Italia

Bussolengo sbanca Bollate e conquista il sesto scudetto della propria storia. Le venete vincono gara-3 e gara-4 ribaltando le Italian Softball Series, aperte con una sconfitta per 9-1 in casa, e diventano campionesse italiane per la terza volta negli ultimi quattro anni. Come nel primo weekend di partite ottima prova della lanciatrice Sierra Hyland, che chiude senza aver subito punti, supportata da una grande fase offensiva. La MKF, sconfitta in finale scudetto per la seconda stagione consecutiva, paga due errori in difesa e il blackout di Greta Cecchetti che, nel secondo extrainning di gara-4, concede tre punti alle avversarie. MVP delle Italian Softball Series è Marta Gasparotto.

Gara-3. Succede tutto nel quarto inning. Dopo le prime tre riprese scivolate via velocemente, con le due squadre che si studiano e le lanciatrici che si esibiscono in diversi strikeout, le lombarde commettono uno sbaglio che costerà loro la partita. È Hyland, in battuta, a colpire una palla rimbalzante inducendo la difesa a un errore in presa e a una brutta assistenza in prima base. Gasparotto e Nerissa Myers, posizionate in seconda e in terza, hanno tutto il tempo di correre a casa base e segnare due punti per Bussolengo. Non succede altro nel resto dell’incontro, con Cecchetti messa in panchina nella parte finale della partita e risparmiata per gara-4.

Gara-4. Nei tre inning iniziali è una sfida a chi spreca più occasioni. I primi punti arrivano nella quarta ripresa, sempre per Bussolengo. Laura Vigna colpisce una palla centrale e profonda bucando la difesa lombarda, Elisa De Trombetti e Brown Sidney ne approfittano e portano le venete sul 2-0. La Specchiasol si ripete subito con un’altra doppia quando la stessa Vigna e Gasparotto arrivano a casa base. Con la partita che sembra chiusa è Amanda Fama a ridare vita alla sfida, segnando il 4-1 nella quinta ripresa. Bussolengo accusa il colpo e il ritorno in campo di Veronica Comar nel settimo inning porta più danni che benefici. La lanciatrice non trova il ritmo e Linda Leonesio, Fama e Lara Cecchetti pareggiano i conti. Come in gara-2, c’è ancora bisogno degli extrainning che, anche in questo caso, sorridono a Bussolengo. Il momento decisivo è la seconda ripresa supplementare in cui Greta Cecchetti, fin lì protagonista positiva della serie, ha un calo improvviso di rendimento e concede tre punti consecutivi alle avversarie che segnano con Ambra Collina, Vigna e Myers fissando il punteggio sul 7-4 e conquistando lo scudetto.

Nicola Petricca

Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites