Loading posts...

Calcio a 5, Serie A: il Maritime batte la Came e stacca le inseguitrici

Il Maritime Augusta fa sei su sette e sconfigge anche la Came Dosson. I siciliani conservano l’imbattibilità e, con 19 punti, allungano in testa alla classifica grazie agli stop delle inseguitrici Italservice Pesaro e Lollo Caffè Napoli. C’era curiosità di vedere come sarebbe andato l’esordio di Tiago Polido, nuovo allenatore del Maritime, e se la Came sarebbe stata in grado di dare continuità al successo sul Real Arzignano della scorsa settimana. La partita, finita 5-4, ha detto che, in realtà, poco è cambiato, con le squadre che hanno evidenziato i soliti problemi. I siciliani, da un lato, che alternano momenti di dominio del gioco a cali improvvisi, i veneti, dall’altro, grintosi e belli da vedere a tratti ma incapaci di completare l’opera quando necessario.

Parte meglio la Came che dopo 40 secondi è già in vantaggio. Murilo Schiochet recupera palla su rinvio sbagliato di Davide Spampinato, finta due volte il tiro e poi calcia a incrociare alla sinistra di Carlos Dal Cin. Dopo aver subito gol, però, il Maritime alza subito il ritmo fino a pareggiare, all’8′, con Leandro Simi che si avventa su una respinta corta di Luca Morassi, dopo un tiro di Manoel Crema, e segna a porta vuota. Passa un minuto ed è 2-1 Augusta: Marcio Zanchetta riceve palla sulla zona del calcio d’angolo, tira e Morassi, disattento, si fa bucare sul suo palo. Poco dopo il portiere dei veneti si fa anche male e la Came decide di passare ai cinque giocatori di movimento. Una mossa che non paga e, al 19′, arriva anche il 3-1 Maritime: Crema avanza palla al piede e calcia forte da lontano con Morassi, tornato tra i pali, che vede sbucare tardi il pallone e non riesce a opporsi.

Al ritorno in campo l’andamento non cambia, anzi, il Maritime è ancora più aggressivo e segna altre due volte. Al 4′ i siciliani recuperano palla a metà campo, Diego Mancuso riceve, si allarga e calcia all’incrocio. Al 6′ capolavoro di Crema che con un tocco di suola salta due difensori e da dentro l’area, in caduta, calcia di destro e trova il 5-1. A questo punto Sylvio Rocha gioca di nuovo la carta del portiere di movimento, la Came alza il ritmo e, all’11’, trova il gol. Erick Bellomo scende sulla destra, calcia addosso a Dal Cin e Tiago Grippi ribatte in rete da dentro l’area. Quattro minuti dopo lo svantaggio si riduce ancora: da sinistra Grippi serve sul secondo Michel Sviercoski che segna in scivolata. La Came comincia a credere nella rimonta, mentre il Maritime gioca quasi con superficialità, nonostante un vantaggio non molto largo, e a 2′ dalla fine i veneti trovano il 5-4 grazie a un autogol di Crema. Con il rischio sempre più concreto di rovinarsi l’esordio, Polido chiama un timeout per riportare la calma tra i suoi giocatori che rientrano in campo più concentrati, chiudono ogni spazio alla Came e conquistano un’altra vittoria.

Nicola Petricca

Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites